Passa ai contenuti principali

Recensione: L'uomo di gesso, C. J. Tudor


"Forse è ora di farsi un giretto sul buon vecchio viale dei ricordi. Solo che non è una piacevole passeggiata baciata dal sole su un sentiero di memorie che scaldano il cuore. No, la strada che devo prendere è oscura, infestata da radici intrecciate di bugie e segreti, piena di buche e voragini nascoste. E lungo tutto il percorso ci sono gli uomini di gesso."


TRAMA
Sono trascorsi trent’anni. Ed Munster adesso è un uomo, è rimasto a vivere nella stessa cittadina e insegna nella scuola locale. Abita nella bella casa che gli ha lasciato la madre e affitta una stanza a una studentessa vivace da cui è attratto, suo malgrado. Ed sembra essersi lasciato il passato alle spalle, quell’estate del 1986 in cui era un ragazzino e trascorreva giorni interi con i suoi amici. Tra infinite corse in bicicletta, spedizioni nei boschi che circondano la pittoresca e decadente Anderbury e i pomeriggi a scuola, il loro era un tempo sereno: erano una banda, amici per la pelle. E avevano un codice segreto: piccole figure tracciate col gesso colorato, per poter comunicare con messaggi comprensibili solo a loro. Poi, un giorno, quei segni li avevano condotti fino al bosco. Fino al corpo smembrato di una ragazza. Chi sia stato l’artefice di un simile delitto, in questi trent’anni, non si è mai saputo. Sono state percorse innumerevoli piste, tutte finite in vicoli ciechi, tutte rimaste fredde. La verità di cosa sia successo quel giorno nel bosco non è mai emersa. Ma adesso Ed ha ricevuto una lettera: un unico foglio, un uomo stilizzato, disegnato col gesso. Anche gli altri hanno ricevuto lo stesso messaggio. L’uomo di gesso è tornato. Con un thriller ispirato alla migliore tradizione anglosassone, C.J. Tudor afferra il lettore in una spirale progressiva e inesorabile, dentro la quale, solo nelle ultime pagine, ogni tassello troverà il proprio posto. Quando il quadro si farà d’un tratto necessariamente chiaro.

Salve lettori, il libro di cui vi parlo oggi è uno dei titoli che più mi interessava scoprire tra le nuove uscite, acclamato alla fiera di Francoforte e già in traduzione in decine di paesi, L'uomo di gesso ha tutte le caratteristiche del libro di successo. 

La scrittrice C. J. Tudor, prendendo spunto da un innocente gioco di bambini (disegnare con i gessetti sull'asfalto) è riuscita a creare uno scenario terrificante, fatto di cadaveri e uomini di gesso che spuntano da soli.
La narrazione si svolge contemporaneamente su due piani temporali diversi, rispettivamente quando Ed, uno dei protagonisti e narratore, ha 12 e 42 anni. In questo modo il lettore è in grado di seguire gli eventi all'origine della vicenda e allo stesso tempo cercare di fare chiarezza su che cosa stia succedendo ora, quando i fantasmi che si pensa fossero confinati nel passato riemergono.

"Bisogna iniziare dal principio, certo. Il problema è che non siamo mai riusciti a metterci d'accordo su quale fosse, questo principio."

Il mistero su cui si fonda il libro è la morte improvvisa di una ragazza nel 1986, trovata smembrata nel bosco da Ed e dal suo gruppo di amici grazie a dei segni, degli omini di gesso posizionati come a fare da guida, ma chi abbi ucciso la ragazza e seppellito il corpo non è mai stato scoperto in trent'anni e sebbene tutti in qualche modo abbiano cercato di andare avanti con la propria vita dimenticandosi del passato è proprio Ed colui che fa più fatica. Vivendo ancora nella sua casa d'infanzia e facendo l'insegnante nella stessa scuola da lui frequentata il confine con il passato sembra sempre più sottile, e lo sarà ancora di più quando i misteriosi disegni di gesso compariranno all'improvviso di nuovo nella sua vita.

Ed, Mickey, Hoppo e Gav, in qualche modo la vecchia banda di amici si ritroverà ancora una volta in mezzo a questa disavventura e saranno costretti a imparare sulla propria pelle che certi segreti a volte è meglio che rimangano tali.

Questo è sicuramente uno dei thriller più adrenalinici che abbia letto recentemente, il ritmo serrato e i continui colpi di scena tengono il lettore incollato alle pagine. L'ambientazione rende perfettamente l'atmosfera del libro e i personaggi sono un enigma da svelare passo dopo passo.

È un libro da divorare tutto in un fiato per poter alla fine riuscire a guardare il quadro di insieme da un'altra prospettiva e poter così cogliere i piccoli dettagli che rendono questo libro un piccolo capolavoro.


Qui trovate il book trailer: 


Commenti

  1. Sembra estremamente interessante! 😍

    RispondiElimina
  2. ciao! ti ho nominata per il blogger recognition award! https://papersoulsweb.wordpress.com/2018/03/13/blogger-recognition-award/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione: Liberate il cervello, Idriss Aberkane

"Non siamo venuti al mondo per conformarci a un'impronta ma per lasciare la nostra"

Con questa frase chiave possiamo capire al meglio il messaggio intrinseco di questo libro. Sono rimasta molto colpita dall'argomento, sono da sempre appassionata di psicologia ma ammetto di non aver mai saputo che esistessero cose come la neurosaggezza o la neuroergonomia e in questo libro Idriss Aberkane riesce a spiegarle puntando l'attenzione in particolare su quanto queste possano condizionare la nostra vita in diversi campi quotidiani della società. In questo trattato infatti si riesce , grazie a una lettura critica, a comprendere il potenziale del nostro cervello se solo non venisse rinchiuso in una "scatola inadatta al suo contenuto" in campi quali l'istruzione, il marketing, il giornalismo e la politica.
Vi avviso che questo non è un libro in cui troverete tecniche pratiche per diventare esperti di matematica in 10 passi ma è un saggio vero e proprio, in grad…

Il maestro, recensione e intervista a Francesco Carofiglio

Buongiorno lettori in questo post vi parlerò del nuovissimo libro di Francesco Carofiglio, uscito ieri per Piemme, e della chiacchierata con l'autore che ho avuto occasione di fare insieme ad altri blogger. 
Ammetto che sebbene ne avessi sentito parlare non avevo mai letto nulla di questo scrittore e questo mi ha concesso di essere catturata subito dallo stile di scrittura evocativo e coinvolgente. Il libro non è molto lungo, ma nonostante questo riesce a raccontare tutto e nella maniera migliore per il lettore, avrei solo voluto averne un pochino di più per restare immersa per un altro po' nella stanza creata da Carofiglio, ero davvero coinvolta.  Il libro viene raccontato dal punto di vista del "Maestro", un anzione signore che vive da solo che ha come unica compagnia Alessandra, la ragazza che ogni giorno gli porta il pranzo. Grazie ai suoi racconti e ricordi riusciamo a intravede un barlume di quella che è stata la sua vita e carriera di grande attore e di come …

Recensione: Più profondo del mare, Melissa Fleming

"Forse c'è interesse nei nostri confronti, ma solo a parole. Io sono sfinita. Non posso tornare dai miei genitori, e la mia famiglia non può venire qui. Ho ascoltato tante promesse, ma voglio vedere dei fatti." 


TRAMA
L'esile salvagente intorno alla vita tiene a galla Doaa e due bambine, una di pochi mesi, l'altra di nemmeno due anni, a lei affidate dai genitori prima di scomparire per sempre nelle acque, come altre centinaia di persone. Doaa ha paura, lei ha sempre odiato l'acqua, sin da piccola, e solo la guerra e la disperazione che l'accompagna l'hanno convinta a lasciare la sua famiglia e la sua casa in Siria e mettersi su quel barcone. Aveva tanti ricordi felici e tanti sogni da realizzare, che ora galleggiano intorno a lei insieme ai relitti dell'imbarcazione e ai pochi superstiti dei 500 che si erano messi in viaggio. Erano quasi arrivati, solo poche ore di mare li separavano dall'Italia, risate liberatorie cominciavano a levarsi dal po…