Passa ai contenuti principali

Recensione: I cieli, Sandra Newman


Ponte alle Grazie | Cartaceo €16,80 | Ebook €9,99

"Quando tornò, non si svegliò a letto. Si svegliò nel bel mezzo di un gesto, nel bel mezzo di un'espressione, nel bel mezzo di una cena. Una dozzina di persone erano sedute al tavole oltre lei, negli assurdi vestiti onirici (...)"

TRAMA Da sempre, ogni notte, Kate sogna di essere Emilia, una musicista e poetessa di origine italiana nell'Inghilterra della fine del Cinquecento. I suoi sogni filano una trama continua, che diviene sempre più reale. Minacciata dalla peste che arriva a Londra, tormentata dal presagio di una città bruciata e distrutta, Emilia decide di salvare il mondo. Ogni decisione che prenderà, influenzerà la sua vita e quella di Ben nel mondo del 2000. E quella di un giovane e sconosciuto poeta: William Shakespeare.

Salve lettori, 
Il libro di cui vi parlo oggi e che ho potuto leggere in anteprima grazie a Ponte alle Grazie è I cieli, della scrittrice americana Sandra Newman, in uscita il 3 Ottobre. 

Ho voluto leggere questo libro incuriosita dalla trama ma di certo non mi aspettavo la complessità dell'intreccio e la ricchezza di dettagli che ho trovato durante la lettura. 

La storia si concentra su quella che sembra essere una love story moderna, i cui protagonisti Ben e Kate si conoscono "alla festa di una ragazza ricca" nella New York del 2000 in cui la società votata a valori sociali e di benessere non è utopia ma la realtà. È l'alba di un nuovo millennio, non ci sono più guerre, si usa solo energia pulita e tutto è perfetto. 

Kate non è come tutti gli altri e non sogna come tutti gli altri. Quando si addormenta vive una vita non sua, una vita diversa in un tempo diverso, nella quale non è mai riuscita a compiere delle azioni in tutti gli anni che ha viaggiato di notte, finché non ha incontrato Ben e si è innamorata. Libera finalmente di agire vive due vite parallele a circa 500 anni di distanza, il luogo in cui si risveglia ogni notte infatti è Londra 1593, il tempo di Shakespeare e dell'epoca Elisabettiana. 

In un continuo intreccio tra passato e futuro Kate cercherà di trovare qualcosa da cambiare nel passato, spinta dall'urgenza dettata da una visione apocalittica della fine del mondo. Muovendosi alla cieca e modificando inconsciamente piccoli dettagli ad ogni risveglio scoprirà di aver cancellato intere realtà con un drammatico effetto farfalla, impossibile da modificare e impossibile per tutti gli altri da ricordare.

Questo è un libro che si prende del tempo per rivelarsi al lettore, viaggio dopo viaggio la realtà si modifica sempre più e diventa difficile discernere quale sia la vera realtà e quale sia il sogno, si percepisce l'estraneità crescente vissuta dalla protagonista e il conflitto psicologico ad essa legato. 

Le differenti timeline vengono evocate grazie a piccoli dettagli nascosti nella trama e a conclusione della lettura si ha la sensazione di vedere finalmente il puzzle completato. 

Contrariamente a quanto si possa pensare non è il viaggio temporale il vero protagonista di questo libro ma lo sono le relazioni, il rapporto di Kate e Ben raccontato nella sua essenza più vera soprattuto durante i momenti di difficoltà, e i rapporti tra i personaggi secondari, lo stretto cerchio di amici della coppia, e le interazioni che hanno tra di loro. Innumerevoli piccole differenze animano l'arco narrativo di personaggi come Sabine -l'amica ricca- o Oksana - la sposa per corrispondenza - ma nonostante questo riescono a mantenere un'integrità reale, fedele al personaggio e mai banale. 

Particolarità del testo è lo stile linguistico che alterna il linguaggio moderno ad uno più arcaico non sempre accostandolo al corretto periodo storico creando una miscela continua di passato e presente nella stessa realtà.


È una lettura difficile da etichettare che attraversa i generi etereo come un sogno e porta a una riflessione più ampia sulle nostre azioni e sui cambiamenti che producono.


Se questo libro vi ha incuriosito avete l'occasione di incontrare la scrittrice in un evento unico che si terrà a Torino presso il Circolo dei Lettori Martedì 8 Ottobre alle ore 18:00 nel contesto del percorso Aspettando il Salone, l'autrice converserà con Francesco Pacifico.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: All your perfects, Colleen Hoover

Atria books | Cartaceo €12,73 | Ebook €9,39 "If you shine light on your flaws, all your perfects will dim" TRAMA Quinn and Graham’s perfect love is threatened by their imperfect marriage. The memories, mistakes, and secrets that they have built up over the years are now tearing them apart. The one thing that could save them might also be the very thing that pushes their marriage beyond the point of repair. All Your Perfects is a profound novel about a damaged couple whose potential future hinges on promises made in the past. This is a heartbreaking page-turner that asks: Can a resounding love with a perfect beginning survive a lifetime between two imperfect people? Salve lettori, la recensione di oggi riguarda l'ultimo libro di quella che reputo una delle migliori voci nel panorama romance: Colleen Hoover. Dopo quasi un anno dalla pubblicazione di Without Merit (ancora inedito al momento in Italia) è tornata in libreria con quello che penso il suo

Recensione: Lincoln nel bardo, George Saunders

"Non avere paura, biascicò qualcuno tra la folla. Prima eri lì in quel vecchio posto e adesso stai qui in questo nuovo posto." TRAMA Febbraio 1862, la Guerra Civile è iniziata da un anno, e il Presidente degli Stati Uniti, Abraham Lincoln, è alle prese con ciò che sta assumendo i contorni di una catastrofe. Nel frattempo Willie, il figlio prediletto di undici anni, si ammala gravemente e muore. Verrà sepolto a Washington, nel cimitero di Georgetown. A partire da questa scheggia di verità storica – i giornali dell’epoca raccontano che Lincoln si recò nella cripta e aprì la bara per abbracciare il figlio morto –, George Saunders mette in scena un inedito aldilà romanzesco popolato di anime in stallo. Il Bardo del titolo, un riferimento al Libro tibetano dei morti, allude infatti a quello stato intermedio in cui la coscienza è sospesa tra la vita passata e quella futura. È questo il limbo in cui si aggirano moltitudini di creature ancora troppo attaccate all’esist

Perfect (Perfect #1). Alison G. Bailey

Salve bibliofili! La recensione di oggi riguarda "Perfect" ( Present perfect ), primo libro pubblicato in Italia della scrittrice Alison G. Bailey. Nella prima parte del libro conosciamo i  protagonisti Noah e Amanda (Tweet) quando ancora sono bambini e il cui unico pensiero sono i giochi e la spensieratezza ma che già si trovano indissolubilmente legati l'un l'altro ad un livello profondo, quel genere di legame che si spera di trovare una volta nella vita. Ho adorato questo inizio perché riusciamo a vedere  il legame che si crea tra i due passo dopo passo, torta dopo torta, fino a diventare vero e proprio amore. Noah quando raggiunge questa consapevolezza non nasconde quello che prova alla sua Tweet, chiedendole di passare a un livello successivo della loro amicizia, ma Amanda invece testardamente e ingenuamente, si ostina a rifiutare aggrappandosi con forza all'idea della loro perfetta amicizia  e rifiutando di mettere tutto in gioco a risc