Passa ai contenuti principali

Recensione: Una notte, Trinh Xuan Thuan



Ponte Alle Grazie | Cartaceo €20,00  | Ebook €11,99

"Avrà, l'essere umano, la saggezza di reprimere l'insaziabile desiderio di costruire e illuminare, per permettere ai suoi figli di contemplare anche in futuro lo splendore di un cielo stellato?"

TRAMA
Il cielo notturno da sempre suscita ammirazione ed è fonte di ispirazione per artisti, poeti, scrittori e amanti, ma rappresenta anche un'occasione incomparabile di conoscenza per gli astrofisici che, a loro volta incantati, trascorrono lunghe ore a osservare il cosmo per indagarne e svelarne i misteri. Anche Trinh Xuan Thuan approfitta di un cielo favorevolmente calmo e terso per trascorrere una notte a contemplare le galassie nane compatte blu nell’osservatorio di Mauna Kea, sull’isola di Hawaii. Intanto, avendo per compagni di viaggio l’arte e la letteratura, passa in rassegna le grandi domande che l’astronomia si è posta nel corso dei secoli e le risposte che finora si è data. Appaga la naturale curiosità del lettore conducendolo con passione, competenza e chiarezza in un’affascinante esplorazione della bellezza e dei segreti dell’universo. Che cosa sono le stelle, i pianeti, le galassie, gli ammassi di galassie? Come e da che cosa ha avuto origine l’universo? E qual è il suo destino? Qual è la soluzione di enigmi come quelli della materia oscura e dell’energia oscura? Dobbiamo pensare di essere soli nel cosmo o da qualche parte esistono altre forme di vita e di intelligenza? Passato, presente e futuro si incontrano e sovrappongono nell’osservazione dello spazio: riusciamo a vedere oggi quanto è già accaduto miliardi di anni fa e a immaginare cosa potrà succedere tra miliardi di anni. Basta contemplare l’oscurità celeste, con sete di sapere e umiltà, finché non sorge di nuovo il Sole.

Salve lettori, il libro di cui vi parlo oggi è un saggio di astronomia molto particolare, scritto dall'astrofisico Trinh Xuan Thuan e pubblicato recentemente da Ponte Alle Grazie.

Devo ammetterlo, sono di parte, tutto ciò che riguarda stelle e galassie colpisce subito la mia attenzione ma in questo caso non è stato semplicemente il tema a farmi leggere questo libro.

La cosa che più mi ha colpito è stato l'intreccio di diversi elementi, concentrati in poco più di 200 pagine e perfettamente legati tra loro. Un libro di divulgazione che prende il via come fosse un diario di viaggio, un saggio sull'astronomia e un connubio di arte, scienza e poesia, il tutto correllato da stupende fotografie e dipinti.

Una lettura perfetta per chi si voglia affacciare per la prima volta in questo campo alla ricerca di risposte alle più antiche domande dell'uomo o per chi ha già qualche conoscenza alle spalle e voglia leggere del silenzio della notte in maniera differente.

Questo libro è un piccolo capolavoro che ha saputo far convergere tra le sue pagine scienza e arte, dicotomia da sempre in conflitto senza le quali la nostra visione del mondo e di ciò che lo circonda sarebbe incompleta.

Buona Lettura!

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: Prometto di amare, Pedro Chagas Freitas

Garzanti | Cartaceo €16,90 | Ebook €9,99
"Prometti di sbagliare. Prometti di cadere. Prometti di non essere mai lo stesso, esattamente lo stesso, ogni volta che la vita ti passerà davanti. Prometti di rischiare, di sentire (...) Nella vita l'importante è restare vivi. Lo sanno tutti, anche tu. Allora perché diavolo stai ancora qui a leggere queste righe? Vai, datti una mossa."

TRAMA
Sulla panchina, al centro esatto della piazza avvolta dal chiacchiericcio indistinto dei passanti, è seduto un uomo. Sulle gambe un taccuino da cui non si separa mai. Aspetta il momento giusto per aprirlo e annotare gli abbracci più belli di cui è testimone silenzioso. È questo che fa da più di trent'anni: andare a caccia di tutte le braccia che si incontrano e che, quando si stringono, raccontano una storia. La storia del legame inscindibile tra un genitore e un figlio. Quella della riconciliazione tra due fratelli, rimasti separati troppo a lungo. O, ancora, quella della passione che uni…

Recensione: Canta, spirito, canta. Jesmyn Ward

NN Editore | Cartaceo €19,00 |
"Mi chiedo cosa ne sa di lui, come potrebbe guardarlo in faccia, in ogni ruga, in ogni passo, in ogni parola che gli esce dalla bocca senza vedere altro che un uomo."



TRAMA
Jojo ha tredici anni, e cerca di capire cosa vuol dire diventare un uomo. Vive con la madre Leonie, la sorellina Kayla e il nonno Pop, che si prende cura di loro e della nonna Mam, in fin di vita. Leonie è una presenza incostante nella vita della sua famiglia. È una donna in perenne conflitto con gli altri e con se stessa, vorrebbe essere una madre migliore ma non riesce a mettere i figli al di sopra dei suoi bisogni. Quando Michael, il padre di Jojo e Kayla, esce di prigione, Leonie parte con i figli per andarlo a prendere. E così Jojo deve staccarsi dai nonni, dalla loro presenza sicura e dai loro racconti, che parlano di una natura animata di spiriti e di un passato di sangue. E mentre Mam si spegne, gli spiriti attendono, aggrappati alla promessa di una pace che solo la f…

Recensione libro e film: Il cerchio, Dave Eggers.

"Sapere è bene. Sapere tutto è meglio."

Ammetto che per una volta ho guardato il film prima di aver letto il libro nonstante questo fosse nella mia wishlist da un paio di anni, ed è stata proprio la curiosità a spingermi ad andare a vederlo quasi a scatola chiusa e solo in seguito leggere il libro. In questa recensione cercherò di parlare anche del film, elencando le cose che ho apprezzato e quelle che invece non ho gradito.
Il cerchio è stato pubblicato nel 2014 e, sebbene parli di una società abbastanza futuristica, oggi come oggi la realtà che ci racconta l'autore sembra spaventosamente non solo possibile ma anche probabile in quanto descrive minuziosamente una società, e in particolare un'azienda (Il cerchio), alle prese costantemente con la spinta all'evoluzione digitale e tecnologica, il tutto reso possibile dalla convergenza delle informazioni private degli individui nel "social network" TruYou, che porta il concetto di social ad un nuovo allarma…