Passa ai contenuti principali

Orme, Robyn Davidson




"Entrai in uno spazio, in un tempo, in una dimensione completamente nuovi. Mille anni si comprimevano in un giorno e ogni mio passo durava secoli."

Buongiorno cari lettori, la recensione di oggi riguarda un libro che mi è stato regalato a Natale e che finalmente ho avuto il tempo di finire. Tra la sessione invernale e mille altre cose sto tralasciando molte letture a malincuore, ma questa non potevo proprio abbandonarla.

Ho adorato questo libro. È stato scritto negli anni '80 quindi non è proprio recente, ma racconta la storia vera vissuta in prima persona dalla scrittrice. Conosciuta da tutti come "La signora dei cammelli", Robyn Davidson e' diventata famosa nel 1977 in seguito alla sua avventura di 1700 miglia nel deserto australiano sola con i suoi quattro cammelli e la sua cagnolina.
Un'avventura nata per nessun'altra motivazione se non il viaggio stesso, non per la curiosità per i luoghi, non per un'avventura da condividere con amici, solo l'andare. Il perdersi, per riuscire a ritrovare se stessi lungo la strada.
Da Alice Springs all'oceano sulla costa ovest australiana, solo in compagnia del deserto, del caldo torrido, della preoccupazione e dei propri pensieri, e allo stesso tempo pura e semplice libertà, profondo cambiamento interiore e abbandono di qualsiasi limite imposto dalla società.
Circa 9 mesi di viaggio, di cui si ha testimonianza fotografica grazie a Rick, fotografo del National Geographic che ha percorso qualche tratto con lei, oscillando dalla figura di salvezza e compagnia a "ladro" e intruso dell'avventura stessa.
Un libro che vi aprirà gli occhi sulla bellezza di questo sconfinato paese dell'anima antica, sull'ospitalità e la cordialità della gente, sul mondo dei cammelli e soprattutto sul l'importanza del rapporto ancestrale tra gli aborigeni e la loro terra.

"Le due cose importanti che ho imparato sono state che puoi essere forte e coraggiosa solo se ti permetti di esserlo, e che la parte sicuramente più difficile di ogni avventura e' compiere il primo passo, prendere la prima decisione."

Se avete voglia di perdervi per qualche ora in un territorio ancora incontaminato e che profuma di libertà vi suggerisco caldamente questo libro!


A presto e buona lettura!




Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: Liberate il cervello, Idriss Aberkane

"Non siamo venuti al mondo per conformarci a un'impronta ma per lasciare la nostra"

Con questa frase chiave possiamo capire al meglio il messaggio intrinseco di questo libro. Sono rimasta molto colpita dall'argomento, sono da sempre appassionata di psicologia ma ammetto di non aver mai saputo che esistessero cose come la neurosaggezza o la neuroergonomia e in questo libro Idriss Aberkane riesce a spiegarle puntando l'attenzione in particolare su quanto queste possano condizionare la nostra vita in diversi campi quotidiani della società. In questo trattato infatti si riesce , grazie a una lettura critica, a comprendere il potenziale del nostro cervello se solo non venisse rinchiuso in una "scatola inadatta al suo contenuto" in campi quali l'istruzione, il marketing, il giornalismo e la politica.
Vi avviso che questo non è un libro in cui troverete tecniche pratiche per diventare esperti di matematica in 10 passi ma è un saggio vero e proprio, in grad…

Il maestro, recensione e intervista a Francesco Carofiglio

Buongiorno lettori in questo post vi parlerò del nuovissimo libro di Francesco Carofiglio, uscito ieri per Piemme, e della chiacchierata con l'autore che ho avuto occasione di fare insieme ad altri blogger. 
Ammetto che sebbene ne avessi sentito parlare non avevo mai letto nulla di questo scrittore e questo mi ha concesso di essere catturata subito dallo stile di scrittura evocativo e coinvolgente. Il libro non è molto lungo, ma nonostante questo riesce a raccontare tutto e nella maniera migliore per il lettore, avrei solo voluto averne un pochino di più per restare immersa per un altro po' nella stanza creata da Carofiglio, ero davvero coinvolta.  Il libro viene raccontato dal punto di vista del "Maestro", un anzione signore che vive da solo che ha come unica compagnia Alessandra, la ragazza che ogni giorno gli porta il pranzo. Grazie ai suoi racconti e ricordi riusciamo a intravede un barlume di quella che è stata la sua vita e carriera di grande attore e di come …

Recensione: Più profondo del mare, Melissa Fleming

"Forse c'è interesse nei nostri confronti, ma solo a parole. Io sono sfinita. Non posso tornare dai miei genitori, e la mia famiglia non può venire qui. Ho ascoltato tante promesse, ma voglio vedere dei fatti." 


TRAMA
L'esile salvagente intorno alla vita tiene a galla Doaa e due bambine, una di pochi mesi, l'altra di nemmeno due anni, a lei affidate dai genitori prima di scomparire per sempre nelle acque, come altre centinaia di persone. Doaa ha paura, lei ha sempre odiato l'acqua, sin da piccola, e solo la guerra e la disperazione che l'accompagna l'hanno convinta a lasciare la sua famiglia e la sua casa in Siria e mettersi su quel barcone. Aveva tanti ricordi felici e tanti sogni da realizzare, che ora galleggiano intorno a lei insieme ai relitti dell'imbarcazione e ai pochi superstiti dei 500 che si erano messi in viaggio. Erano quasi arrivati, solo poche ore di mare li separavano dall'Italia, risate liberatorie cominciavano a levarsi dal po…