Passa ai contenuti principali

La quinta onda. Rick Yancey




Salve lettori!
Oggi vi parlo del libro "La quinta onda" che finalmente mi sono decisa a comprare. Erano mesi che vedevo in giro sul web commenti entusiasti e recensioni positive su questo libro e l'uscita al cinema del film mi ha decisamente convinto a leggerlo.

Una storia molto diversa dal solito, un genere distopico apocalittico, vi porterà a dubitare in tutto ciò in cui credete. In particolare farà crollare le vostre idee e ipotesi riguardanti gli alieni e i loro scopi.
Tutti vivono la propria vita serenamente fino a quando l'apparizione nel cielo di una gigantesca astronave aliena non insinua nella popolazione sgomento e terrore. Molti ingenuamente credono sia una visita pacifica, e si preparano a una collaborazione, gli altri invece sospettano che la verità sia molto più terribile.
In questo libro seguiremo le avventure della giovane Cassie, che dopo aver perso i genitori a seguito degli attacchi alieni, decide di andare a cercare suo fratello, portato via insieme ad altri bambini da quelle che sembravano le ultime forze armate sopravvissute.
In questa narrazione dal ritmo incalzante la vedremo scontrarsi con nemici con armi tecnologiche mai viste, con gli elementi della natura e con l'idea di essere l'ultima superstite, l'ultima a difendere il nome dell'umanità.
L'incontro con Evan che le salverà la vita la farà ricredere e la porterà a dubitare di tutto, sul perché gli alieni sono venuti sulla terra ma soprattutto chi sono e che cosa sarà la quinta onda.

“Non avevo capito niente. Prima di trovarti, credevo che l’unico modo di tirare avanti fosse avere qualcosa per cui vivere. Mi sbagliavo. Per tirare avanti, bisogna avere qualcosa per cui essere pronti a morire.”



Un libro veramente appassionante che con il suo ritmo vi terrà incollati alle pagine e vi farà desiderare ardentemente il seguito.
Ho apprezzato molto la protagonista Cassie, descritta non come la classica eroina senza macchia n'è senza paura ma come una ragazza fragile di sedici anni che si ritrova in un attimo catapultata in una realtà senza senso e che si ritrova ad affrontare sia i suoi demoni, che quelli.  che si nascondono tra gli alberi

"È questo che ci hanno fatto gli Altri. Non ci si può alleare per combattere insieme se non c’è fiducia. E se non c’è fiducia, non c’è speranza."

Trama:

Dopo la prima onda la Terra sprofonda nel buio. Dopo la seconda onda si salvano i più fortunati. Dopo la terza onda sopravvivono i più sfortunati. Dopo la quarta onda non puoi più fidarti di nessuno. La quinta onda è appena cominciata… Di notte, Cassie non può più guardare il cielo stellato con gli stessi occhi di prima; ora sa che loro arrivano da lì, e arrivano per distruggere il suo mondo. Cassie è tra gli ultimi superstiti, sola, in fuga da loro, esseri giunti sulla Terra per sterminare la specie umana: l'unica speranza che le resta è ritrovare Sammy, il fratellino che le è stato strappato dalle braccia. Quando il misterioso Evan Walker si offre di aiutarla, Cassie capisce che deve prendere una decisione: fidarsi o rinunciare alla sua missione, arrendersi o continuare a lottare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: Liberate il cervello, Idriss Aberkane

"Non siamo venuti al mondo per conformarci a un'impronta ma per lasciare la nostra"

Con questa frase chiave possiamo capire al meglio il messaggio intrinseco di questo libro. Sono rimasta molto colpita dall'argomento, sono da sempre appassionata di psicologia ma ammetto di non aver mai saputo che esistessero cose come la neurosaggezza o la neuroergonomia e in questo libro Idriss Aberkane riesce a spiegarle puntando l'attenzione in particolare su quanto queste possano condizionare la nostra vita in diversi campi quotidiani della società. In questo trattato infatti si riesce , grazie a una lettura critica, a comprendere il potenziale del nostro cervello se solo non venisse rinchiuso in una "scatola inadatta al suo contenuto" in campi quali l'istruzione, il marketing, il giornalismo e la politica.
Vi avviso che questo non è un libro in cui troverete tecniche pratiche per diventare esperti di matematica in 10 passi ma è un saggio vero e proprio, in grad…

Il maestro, recensione e intervista a Francesco Carofiglio

Buongiorno lettori in questo post vi parlerò del nuovissimo libro di Francesco Carofiglio, uscito ieri per Piemme, e della chiacchierata con l'autore che ho avuto occasione di fare insieme ad altri blogger. 
Ammetto che sebbene ne avessi sentito parlare non avevo mai letto nulla di questo scrittore e questo mi ha concesso di essere catturata subito dallo stile di scrittura evocativo e coinvolgente. Il libro non è molto lungo, ma nonostante questo riesce a raccontare tutto e nella maniera migliore per il lettore, avrei solo voluto averne un pochino di più per restare immersa per un altro po' nella stanza creata da Carofiglio, ero davvero coinvolta.  Il libro viene raccontato dal punto di vista del "Maestro", un anzione signore che vive da solo che ha come unica compagnia Alessandra, la ragazza che ogni giorno gli porta il pranzo. Grazie ai suoi racconti e ricordi riusciamo a intravede un barlume di quella che è stata la sua vita e carriera di grande attore e di come …

Recensione: Più profondo del mare, Melissa Fleming

"Forse c'è interesse nei nostri confronti, ma solo a parole. Io sono sfinita. Non posso tornare dai miei genitori, e la mia famiglia non può venire qui. Ho ascoltato tante promesse, ma voglio vedere dei fatti." 


TRAMA
L'esile salvagente intorno alla vita tiene a galla Doaa e due bambine, una di pochi mesi, l'altra di nemmeno due anni, a lei affidate dai genitori prima di scomparire per sempre nelle acque, come altre centinaia di persone. Doaa ha paura, lei ha sempre odiato l'acqua, sin da piccola, e solo la guerra e la disperazione che l'accompagna l'hanno convinta a lasciare la sua famiglia e la sua casa in Siria e mettersi su quel barcone. Aveva tanti ricordi felici e tanti sogni da realizzare, che ora galleggiano intorno a lei insieme ai relitti dell'imbarcazione e ai pochi superstiti dei 500 che si erano messi in viaggio. Erano quasi arrivati, solo poche ore di mare li separavano dall'Italia, risate liberatorie cominciavano a levarsi dal po…