Passa ai contenuti principali

Recensione: La musica perfetta, Kat French


"Non ti avevo mai visto con il giubbotto" commentò, tanto per dire qualcosa. "Così mi sembri... Uno di quei pescatori sexy..." "Un pescatore sexy?" chiese sconvolto. "Si, hai visto l'ultimo spot con Capitan Findus, quello che è appena uscito?" (...) "Sono offeso perché mi hai paragonato a un sessantenne obeso, non perché non ho visto la pubblicità." 

TRAMA
Honeysuckle Jones ha bisogno di un uomo. O meglio, questo pensano le sue migliori amiche Nell e Tash, che ora hanno una missione: aiutarla a trovare quello giusto. Deve essere intelligente, attento, divertente, ma soprattutto non dev'essere goffo. Insomma, deve avere delle buone mani. Da pianista, per esempio. Il nuovo vicino di casa di Honey, l'ex chef Hal, non è certo il candidato ideale: è scorbutico, asociale, e non suona nemmeno il pianoforte. Eppure, nonostante l'antipatia evidente, la sua voce ha un certo non so che, e sembra in grado di sviluppare una qualche alchimia, scariche elettriche, cose del genere. Peccato che sia decisamente l'uomo sbagliato. Ma quando Honey scopre il vero motivo che si nasconde dietro tanta ostilità, decide di concedergli un'altra occasione... di diventarle simpatico. Perché a volte sono le note dissonanti a rendere una musica perfetta.

Salve lettori, oggi vi parlo di uno degli ultimi libri pubblicati da Harper Collins: "La musica perfetta" (16,90€ cartaceo, 6,99€ eBook), pubblicato in lingua originale con il titolo The Piano man project.

In questo libro ritroviamo l'atmosfera tipica delle commedie inglesi, personaggi briosi, battute irriverenti e la protagonista che si rivela essere la classica ragazza della porta accanto, letteralmente.

Con Honey ci si può facilmente identificare, sulla trentina, totalmente negata tanto ai fornelli quanto nelle relazioni amorose, le uniche cose che riescono a donarle il sorriso sono il lavoro in una casa di riposo, la presenza costante di due allegre vecchiette, Mimi e Lucille che la aiutano e gli scambi di battute, non sempre civili, con il suo nuovo misterioso vicino Hal.

Lontano dall'essere il gentile vicino a cui andare a chiedere lo zucchero, Hal sembra fare di tutto per non far avvicinare nessuno alla sua soglia e a sè, la testarda vicina chiacchierona in particolare. Solo il tempo lo potrà aiutare ad uscire pian piano dal suo guscio e ad aprirsi di più con Honey alternando momenti di imprecazioni e sfuriate a momenti gentili fatti di lezioni di cucina.

Questo libro è sicuramente una scoperta interessante e grazie alla narrazione sviluppata con punti di vista differenti in terza persona risulta più facile comprendere il perché di certe scelte e comportamenti dei protagonisti altrimenti di difficile comprensione.

Il vero punto forte di questo romanzo sono senza dubbio i personaggi, una cacofonia di elementi apparentemente inconciliabili che trovano tutti il loro ruolo perfetto nella storia, a partire dalle amiche di Honey, Nell e Tash esuberanti e leali, che tra un Brunch e una visita a un sexy shop diventano  pronte a tutto per la ricerca dell'uomo perfetto per la loro amica. Impossibile non nominare gli ospiti della casa di riposo, arzilli vecchietti temerari al punto di incatenarsi con manette colorate a un cancello per protesta e i protagonisti, Honey e Hal, due caratteri complessi e passionali che ogni volta che si incontrano fanno scoppiare scintille e non è sempre  facile trovare un equilibrio.

Tra ricette di cucina e una lista di aspiranti fidanzati pianisti la vita di Honey viene messa a dura prova quando anche in ambito lavorativo sorgono dei problemi e lei sembra l'unica poter trovare rimedio ma per questo avrà bisogno di un aiuto, e perché non provare a chiedere al suo nuovo vicino?!

Buona lettura! 

Commenti

  1. Ciao, ti seguo su instagram e da oggi anche qui e su G+
    Non conosco il romanzo e si discosta un po' dal genere che di solito amo leggere, però sembra interessante!
    A presto,
    Annalisa
    Lettrice di Libri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa, grazie di essere passata sul blog! Diciamo che questo è un romanzo diverso dal solito ma che vale la pena leggere secondo me, fammi sapere se deciderai di dargli una chance 😄

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione: Manaraga. La montagna dei libri. Vladimir Sorokin

Bompiani | Cartaceo: €17,00 | Ebook: €9,99
"Se lo ami per davvero, e questo lo so bene, un libro sa darti tutto il suo calore"

TRAMA È il 2037, l’unica carta stampata è quella delle banconote e leggere significa dar fuoco ai libri per cuocervi sopra cibi prelibati. Carré di agnello con Don Chisciotte, bistecca di tonno con Moby Dick, manzo di Kobe con L’adolescente. Le edizioni cartacee sono cimeli conservati nei musei: gli chef che si dedicano al book’n’grill lavorano spesso nella più totale clandestinità per soddisfare le richieste dei loro ricchi clienti. Géza, uno di questi cuochi, specializzato in classici russi, racconta i suoi viaggi per il mondo, tra prelibatezze e traffici illeciti, fino allo scontro con una società segreta dedita alla falsificazione di rare prime edizioni che ha il suo centro in cima al monte Manaraga.
Salve lettori, la recensione di oggi riguarda un libro davvero surreale: Manaraga, la montagna dei libri, scritto dal pluripremiato scrittore ru…

Recensione: Il tuo meraviglioso silenzio, Katja Millay

"Vivo in un mondo senza magia né miracoli. Un posto dove non ci sono chiromanti o prestigiatori, angeli o ragazzi dotati di superpoteri pronti a salvarti. Un posto dove le persone muoiono e la musica si è spenta e le cose fanno schifo. Mi sento così schiacciata dal peso della realtà che ogni tanto mi domando come riesca ancora a sollevare i piedi per camminare."

Ieri, dopo aver letto per l'ennesima volta quello che reputo uno dei miei romanzi preferiti mi sono resa conto di non avervene mai parlato sul blog e per questo dovevo assolutamente rimediare.
Il libro di cui sto parlando è Il tuo meraviglioso silenzio di Katja Millay (The sea of Tranquility), pubblicato nel 2014 da Mondadori.
Dire che questo libro è emozionante sotto tutti i punti di vista è riduttivo, è un intero giro di montagne russe che non lascia un attimo di respiro, nemmeno quando si crede di essere arrivati alla fine.
La narrazione si svolge alternando i punti di vista dei protagonisti Nastya e Jo…

Recensione: Per primo hanno ucciso mio padre, Loung Ung

"Al pensiero di una torta tutta per me sento lo stomaco contrarsi.  Raccolgo un pezzo di carbone da terra.  Me lo metto in bocca con cautela e lo mastico.  Non sa di niente, ha una consistenza gassosa e
lievemente salata.  Ho sei anni e invece di festeggiare con torte di compleanno mastico un pezzo di carbone."


Ammetto che mi ci è voluto più tempo del solito per finire questo libro, non perché non fosse leggibile o bello, ma perché ricco di una tematica così importante e attuale, come possono essere solo la guerra e il genocidio, che ho avuto bisogno di tempo per metabolizzato e leggerlo con il giusto rispetto.
La cosa che più mi ha sconvolta è il fatto che ciò che viene narrato è una storia vera, non solamente il contesto storico e politico ma gli stessi eventi descritti sono parte integrante della vita di questa donna, Loung Ung, oggi attivista per i diritti umani e che all'epoca della guerra aveva solamente cinque anni.   La lettura è un'esperienza quasi dolorosa, …