Passa ai contenuti principali

Recensione: Warcross, Marie Lu



"Altre volte, invece, ti ritrovi nella posizione perfetta e con l'arma giusta per reagire. Io l'ho fatto. Ho colpito in fretta, con forza, con furia. E la mia arma non era altro che la lingua sussurrata dei circuiti e dei cavi, una lingua che può mettere la gente in ginocchio. E, nonostante tutto, lo rifarei." 

TRAMA
La mania ha preso piede dieci anni fa, e oggi Warcross conta milioni di fan in tutto il mondo. Per alcuni rappresenta una via di fuga dalla realtà, per altri una fonte di profitto. La giovane hacker Emika Chen sbarca il lunario braccando i giocatori entrati nel giro delle scommesse illegali. Ma l'ambiente dei cacciatori di taglie, oltre a essere pericoloso, è molto competitivo. Sempre al verde, per racimolare una somma di denaro di cui ha urgentemente bisogno, Emika hackera la partita inaugurale del Campionato di Warcross e, senza volerlo, si ritrova dentro il gioco. È certa che il suo errore le costerà l'arresto, e l'ultima cosa che si aspetta è la telefonata del creatore di Warcross, l'affascinante miliardario giapponese Hideo Tanaka, con una proposta impossibile da rifiutare. Un volo per Tokyo ed Emika si ritrova catapultata nel mondo che fino a quel momento aveva solo potuto sognare. Ma presto le sue indagini sveleranno l'esistenza di un oscuro complotto le cui implicazioni vanno ben oltre i confini dell'universo di Warcross.

Salve lettori, la recensione di oggi vede come protagonista un libro che ha avuto molto successo negli Stati Uniti, merito soprattutto della famosa scrittrice Marie Lu, nota per la serie bestseller Legend. 

Il mondo creato da Marie Lu in Warcross è qualcosa a cui non siamo abituati ma che piano piano sta prendendo forma nelle nostre vite e cioè la realtà virtuale. Warcross infatti altro non è che la più grande piattaforma di gioco virtuale, creata dal giovane Hideo Tanaka, diventata talmente popolare da riuscire a catalizzare l'attenzione di milioni di persone in tutto il mondo durante i suoi tornei. È proprio durante la partita inaugurale che Emika Chen riesce a introdursi nel gioco, rivelandosi così agli occhi del mondo e suscitando l'interesse del giovane creatore del gioco, nonostante le sue intenzioni fossero mosse dalla mera sopravvivenza. Emika è una cacciatrice di taglie, vive a New York e sta per essere sfrattata, hackerare il gioco più famoso del mondo le sembra l'unico modo per racimolare in fretta dei soldi ma ovviamente il suo piano non è perfetto e senza che quasi se ne accorga viene contattata da Hideo in persona per una proposta di lavoro top secret. 

L'ambientazione da qui in poi si sposta a Tokio, descritta come una brillante metropoli sempre in movimento e la cui ossessione per Warcross è maggiore rispetto a qualsiasi altra città e la narrazione in prima persona di Emika ci aiuta a vedere la realtà vera e virtuale attraverso le lenti digitali che indossa, unico modo per poter accedere al mondo virtuale. 

L'unico modo per poter svolgere il lavoro è dall'interno e così da semplice spettatrice la giovane hacker si ritroverà ad essere una delle protagoniste assolute del gioco che ha sempre ammirato da lontano, costretta a dover dubitare di tutti non sarà facile per lei destreggiarsi attraverso le varie prove nel gioco e convivere con i suoi compagni di squadra ma presto capirà che a volte cercare aiuto non è sinonimo di debolezza ma di coraggio.

Nulla è lasciato al caso in questo libro, oltre ad avere una trama molto originale le descrizioni sono il vero punto forte del libro, viene curato ogni singolo dettaglio e dato che si parla di realtà virtuale non è cosa da poco, warcross in qualche modo riesce a prendere forma nella mente del lettore, catturandone completamente l'attenzione e trasportandolo con sé tra le pagine (o i bit?) del libro. Anche i personaggi sono magistralmente caratterizzati, Emika in primis, protagonista dallo spirito combattivo e intraprendente compie una fantastica evoluzione durante la narrazione, acquistando sempre più sicurezza in sé stessa e allo stesso tempo imparando a interessarsi di più degli altri e non solo alla sua sopravvivenza. Anche i personaggi secondari non sono lasciati al caso ma dimostrano ognuno un carattere e una personalità ben delineata e distinguibile, e ognuno a modo suo sarà importante per la storia.

Credo che Warcross  sia una lettura per tutti, non solo per chi è appassionato di videogiochi e mondi alternativi ma per tutte quelle persone che abbiamo voglia di immergersi per un po' in una dimensione completamente diversa e fermarsi a riflettere su quanto la nostra vita stia lentamente scivolando nella dipendenza da questi mondi fittizi, rischiando di farci perdere il contatto con la realtà. 

Ogni porta ha una chiave, ogni problema una soluzione 




Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: Manaraga. La montagna dei libri. Vladimir Sorokin

Bompiani | Cartaceo: €17,00 | Ebook: €9,99
"Se lo ami per davvero, e questo lo so bene, un libro sa darti tutto il suo calore"

TRAMA È il 2037, l’unica carta stampata è quella delle banconote e leggere significa dar fuoco ai libri per cuocervi sopra cibi prelibati. Carré di agnello con Don Chisciotte, bistecca di tonno con Moby Dick, manzo di Kobe con L’adolescente. Le edizioni cartacee sono cimeli conservati nei musei: gli chef che si dedicano al book’n’grill lavorano spesso nella più totale clandestinità per soddisfare le richieste dei loro ricchi clienti. Géza, uno di questi cuochi, specializzato in classici russi, racconta i suoi viaggi per il mondo, tra prelibatezze e traffici illeciti, fino allo scontro con una società segreta dedita alla falsificazione di rare prime edizioni che ha il suo centro in cima al monte Manaraga.
Salve lettori, la recensione di oggi riguarda un libro davvero surreale: Manaraga, la montagna dei libri, scritto dal pluripremiato scrittore ru…

Recensione: Il tuo meraviglioso silenzio, Katja Millay

"Vivo in un mondo senza magia né miracoli. Un posto dove non ci sono chiromanti o prestigiatori, angeli o ragazzi dotati di superpoteri pronti a salvarti. Un posto dove le persone muoiono e la musica si è spenta e le cose fanno schifo. Mi sento così schiacciata dal peso della realtà che ogni tanto mi domando come riesca ancora a sollevare i piedi per camminare."

Ieri, dopo aver letto per l'ennesima volta quello che reputo uno dei miei romanzi preferiti mi sono resa conto di non avervene mai parlato sul blog e per questo dovevo assolutamente rimediare.
Il libro di cui sto parlando è Il tuo meraviglioso silenzio di Katja Millay (The sea of Tranquility), pubblicato nel 2014 da Mondadori.
Dire che questo libro è emozionante sotto tutti i punti di vista è riduttivo, è un intero giro di montagne russe che non lascia un attimo di respiro, nemmeno quando si crede di essere arrivati alla fine.
La narrazione si svolge alternando i punti di vista dei protagonisti Nastya e Jo…

Recensione: Per primo hanno ucciso mio padre, Loung Ung

"Al pensiero di una torta tutta per me sento lo stomaco contrarsi.  Raccolgo un pezzo di carbone da terra.  Me lo metto in bocca con cautela e lo mastico.  Non sa di niente, ha una consistenza gassosa e
lievemente salata.  Ho sei anni e invece di festeggiare con torte di compleanno mastico un pezzo di carbone."


Ammetto che mi ci è voluto più tempo del solito per finire questo libro, non perché non fosse leggibile o bello, ma perché ricco di una tematica così importante e attuale, come possono essere solo la guerra e il genocidio, che ho avuto bisogno di tempo per metabolizzato e leggerlo con il giusto rispetto.
La cosa che più mi ha sconvolta è il fatto che ciò che viene narrato è una storia vera, non solamente il contesto storico e politico ma gli stessi eventi descritti sono parte integrante della vita di questa donna, Loung Ung, oggi attivista per i diritti umani e che all'epoca della guerra aveva solamente cinque anni.   La lettura è un'esperienza quasi dolorosa, …