Passa ai contenuti principali

Non solo recensioni: "I Distillati"






Salve lettori,  oggi invece di una recensione volevo proporvi una riflessione riguardante i cosiddetti “distillati”. So che se ne è  parlato in lungo in largo, in positivo ma soprattutto in negativo e oggi vorrei parlarvene anche io.
Perché ora? Perché ho potuto assistere ad a una presentazione tenutasi da Giulio Lattanzi, il creatore di questa iniziativa.
Devo ammettere che partivo già con molti pregiudizi ma ho voluto assistere lo stesso per cercare di capire le motivazioni per il quale lo hanno spinto a creare tutto ciò.
Iniziativa commerciale, pura e semplice, nessuno scopo educativo, nessuno spirito ad incentivare la lettura in un paese dove la lettura e’ un dato semplicemente preoccupante no, semplicemente senso per gli affari e la creazione di un prodotto ad hoc per i “lettori occasionali” che non dedicano più di 5 minuti a leggere un libro.
Io avevo già in mente le mie belle obiezioni ma dopo questa risposta non mi sono sembrate più pertinenti, perché andare a puntualizzare che un prodotto poteva nuocere gravemente al già poco impegno dei lettori, intaccare la versione originale del libro e impigrire chi crede di non avere un'ora in più per leggere tutte quelle duecento pagine? Nessuno di questi era il loro scopo, e apertamente ne hanno parlato quindi perché scatenare un rumore mediatico come quello che è successo?
Sembra di poca importanza per loro, (retoricamente parlando) ma, non mi vergogno a dire che per me, “lettrice forte” come mi hanno etichettato  nelle loro ricerche di marketing, questo e’ un insulto al mondo dei libri, agli autori stessi e per estensione ai lettori. Semplicemente non riesco proprio a capire la difficoltà di finire un libro, certo ci sono certi libri che sono particolarmente ostili da concludere ma vedendo i titoli che “distillano” due domande sorgono spontanee.
E’ vero che con il tempo libero sempre più ristretto da impegni o condiviso da altre tecnologie e metodi di intrattenimento diverso il tempo per la lettura diminuisce ma era davvero necessario distillare John Green,Nicholas Sparks o Vanessa Diffenbaugh?.
Secondo me no, lo slogan promette “Bestseller da leggere nel tempo di un film” ma la mia domanda e’ perché devo per forza impiegarci il tempo di un film? In un libro la cosa che preferisco e’ perdermi in una dimensione completamente diversa, senza spazio ne tempo. Non voglio limitazioni di tempo e soprattutto non trovo necessario distillare dei libri che hanno avuto il loro successo proprio per come sono stati pensati e scritti.
Se devo invece concentrarmi solo sull'aspetto puramente economico e commerciale non ho nulla da dire, vendono, sono una scommessa che non è fallita e comunque fanno parlare di se’.

Questa e’ la mia personale opinione ma sono molto curiosa di conoscere le vostre.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: Liberate il cervello, Idriss Aberkane

"Non siamo venuti al mondo per conformarci a un'impronta ma per lasciare la nostra"

Con questa frase chiave possiamo capire al meglio il messaggio intrinseco di questo libro. Sono rimasta molto colpita dall'argomento, sono da sempre appassionata di psicologia ma ammetto di non aver mai saputo che esistessero cose come la neurosaggezza o la neuroergonomia e in questo libro Idriss Aberkane riesce a spiegarle puntando l'attenzione in particolare su quanto queste possano condizionare la nostra vita in diversi campi quotidiani della società. In questo trattato infatti si riesce , grazie a una lettura critica, a comprendere il potenziale del nostro cervello se solo non venisse rinchiuso in una "scatola inadatta al suo contenuto" in campi quali l'istruzione, il marketing, il giornalismo e la politica.
Vi avviso che questo non è un libro in cui troverete tecniche pratiche per diventare esperti di matematica in 10 passi ma è un saggio vero e proprio, in grad…

Il maestro, recensione e intervista a Francesco Carofiglio

Buongiorno lettori in questo post vi parlerò del nuovissimo libro di Francesco Carofiglio, uscito ieri per Piemme, e della chiacchierata con l'autore che ho avuto occasione di fare insieme ad altri blogger. 
Ammetto che sebbene ne avessi sentito parlare non avevo mai letto nulla di questo scrittore e questo mi ha concesso di essere catturata subito dallo stile di scrittura evocativo e coinvolgente. Il libro non è molto lungo, ma nonostante questo riesce a raccontare tutto e nella maniera migliore per il lettore, avrei solo voluto averne un pochino di più per restare immersa per un altro po' nella stanza creata da Carofiglio, ero davvero coinvolta.  Il libro viene raccontato dal punto di vista del "Maestro", un anzione signore che vive da solo che ha come unica compagnia Alessandra, la ragazza che ogni giorno gli porta il pranzo. Grazie ai suoi racconti e ricordi riusciamo a intravede un barlume di quella che è stata la sua vita e carriera di grande attore e di come …

Recensione: Più profondo del mare, Melissa Fleming

"Forse c'è interesse nei nostri confronti, ma solo a parole. Io sono sfinita. Non posso tornare dai miei genitori, e la mia famiglia non può venire qui. Ho ascoltato tante promesse, ma voglio vedere dei fatti." 


TRAMA
L'esile salvagente intorno alla vita tiene a galla Doaa e due bambine, una di pochi mesi, l'altra di nemmeno due anni, a lei affidate dai genitori prima di scomparire per sempre nelle acque, come altre centinaia di persone. Doaa ha paura, lei ha sempre odiato l'acqua, sin da piccola, e solo la guerra e la disperazione che l'accompagna l'hanno convinta a lasciare la sua famiglia e la sua casa in Siria e mettersi su quel barcone. Aveva tanti ricordi felici e tanti sogni da realizzare, che ora galleggiano intorno a lei insieme ai relitti dell'imbarcazione e ai pochi superstiti dei 500 che si erano messi in viaggio. Erano quasi arrivati, solo poche ore di mare li separavano dall'Italia, risate liberatorie cominciavano a levarsi dal po…